Documenti e rapporti di ricerca sequenziali CQ / HCQ


Tradotto grazie al nemico : Google Traduttore.



Grazie A TUTTI.
Fonte QMAP Drop.

Documenti e rapporti di ricerca sequenziali CQ / HCQDa gennaio a 20 aprile 2020

Riepilogo esecutivo Interpretazione dei dati in questo rapporto

La combinazione HCQ-AZ, quando iniziata immediatamente dopo la diagnosi, sembra essere un trattamento sicuro ed efficace per COVID-19, con un tasso di mortalità dello 0,5%, nei pazienti anziani. Evita il peggioramento e cancella la persistenza del virus e l’infettività contagiosa nella maggior parte dei casi.

Da gennaio a 12 aprile 2020

22 agosto 2005
Filiale dei patogeni speciali CDC
MJ VIncet, E.Bergon, S. Benjannet, BR Erickson, Pierre Rollin, T.G. Ksiazek, NG Seidah,
San Nicola. La clorochina è un potente inibitore dell’infezione e della diffusione del coronavirus SARS. Diario della virologia. (2005) 2: 69
La clorochina ha forti effetti antivirali sull’infezione da SARV CoV delle cellule di primati nella coltura tissutale. Questi effetti inibitori si osservano quando le cellule vengono trattate con il farmaco prima o dopo l’esposizione al virus, suggerendo sia la prevenzione profilattica che l’uso del trattamento. L’articolo descrive tre meccanismi con cui il farmaco potrebbe funzionare e suggerisce che potrebbe avere un ruolo profilattico e terapeutico nelle infezioni da Coronavirus.


28 gennaio 2020
M. Wang, R. Cao, L. Zhang, X. Yang, J. Liu, M. Xu, Z. Shi, Z. Hu, W. Zhong, G. Xiao
LETTERA ALL’EDITORE Ricerca sulle cellule Remdesivir e clorochina inibiscono efficacemente il nuovo coronavirus (2019-nCoV) recentemente emerso in vitro. Ricerca cellulare (2020) 0: 1–3; https://doi.org/10.1038/s41422-020-0282-0
Remdesivir e clorochina testati, oltre ad altri cinque farmaci, sono stati testati in coltura tissutale contro un campione clinico di virus da un paziente COVID-19, Remdesivir e clorochina sono altamente efficaci nel controllo dell’infezione 2019-nCoV in vitro. Dal momento che questi composti sono stati utilizzati in pazienti umani con una traccia di sicurezza e hanno dimostrato di essere efficaci contro vari disturbi, suggeriamo che dovrebbero essere valutati in pazienti umani affetti dalla nuova malattia di coronavirus.

13 febbraio 2020
I medici elaborano le linee guida per il trattamento del coronavirus, Korea Biomedical Review http://www.koreabiomed.com/news/articleView.html?idxno=7428
La task force clinica centrale coreana COVID-19, ha tenuto la sesta videoconferenza e ha concordato i principi di trattamento per i pazienti con COVID-19.

  • Giovani con sintomi lievi senza condizioni di base, i medici possono osservarli senza trattamento antivirale.
  • Se sono trascorsi 10 giorni dall’inizio della malattia e i sintomi sono lievi, i medici non devono iniziare un trattamento antivirale.
  • Se i pazienti sono anziani o hanno condizioni sottostanti con sintomi gravi, i medici devono prendere in considerazione un trattamento antivirale il prima possibile. lopinavir 400 mg / ritonavir 100 mg (Kaletra due compresse, due volte al giorno) o clorochina 500 mg per via orale al giorno. L’alternativa è idrossiclorochina 400 mg per via orale al giorno.

18 febbraio 2020.
Jianjun Gao, Zhenxue Tian, ​​Xu Yang Svolta: la clorochina fosfato ha dimostrato un’apparente efficacia nel trattamento della polmonite associata a COVID-19 negli studi clinici. Pubblicazione anticipata sulle tendenze BioScience, DOI: 10.5582 / bst.2020.0104
Finora, i risultati di oltre 100 pazienti hanno dimostrato che la clorochina fosfato è superiore al trattamento di controllo nell’inibire l’esacerbazione della polmonite, migliorare i risultati dell’imaging polmonare, promuovere una conversione virale negativa e accorciare il decorso della malattia.
Nei pazienti sopra citati non sono state osservate gravi reazioni avverse al clorochina fosfato. Alla luce di questi risultati, il 15 febbraio 2020 si è tenuta una conferenza; i partecipanti, compresi esperti del governo e delle autorità di regolamentazione e gli organizzatori di studi clinici, hanno raggiunto un accordo sul fatto che il fosfato di clorochina ha una potente attività contro COVID-19.

27 febbraio 2020
Philippe Colson, Jean-Marc Rolain, Jean-Christophe Lagier, Philippe Brouqui, Didier Raoult, Chloroquine e hydroxychloroquine come armi disponibili per combattere COVID-19, International Journal of Antimicrobial Agents Feb (2020), doi: https://doi.org /10.1016/j.ijantimicag.2020.105932
a seguito della recente pubblicazione di risultati che mostrano l’attività in vitro della clorochina contro SARS-CoV-2, sono stati riportati dati sull’efficacia di questo farmaco in pazienti con polmonite correlata a SARS-CoV-2 (denominata COVID-19) a diversi livelli di gravità.
A seguito dei risultati in vitro, sono stati avviati 20 studi clinici in diversi ospedali cinesi.
I primi risultati ottenuti da oltre 100 pazienti hanno mostrato la superiorità della clorochina rispetto al trattamento del gruppo di controllo in termini di riduzione dell’esacerbazione della polmonite, durata dei sintomi e ritardo della clearance virale, il tutto in assenza di gravi effetti collaterali. Ciò ha portato in Cina a includere la clorochina nelle raccomandazioni riguardanti la prevenzione e il trattamento della polmonite COVID-19.
I team cinesi hanno dimostrato che la clorochina potrebbe ridurre la durata della degenza ospedaliera e migliorare l’evoluzione della polmonite COVID-19, portando a raccomandare la somministrazione di 500 mg di clorochina due volte al giorno in pazienti con forme lievi, moderate e gravi di polmonite COVID-19.

4 marzo 2029
Philippe Colson, a, b Jean-Marc Rolain, a, b Jean-Christophe Lagier, a, b Philippe Brouqui, a, b e Didier Raoult, clorochina e idrossiclorochina come armi disponibili per combattere COVID-19. Int J Antimicrob Agents. 2020 4 marzo: 105932. doi: 10.1016 / j.ijantimicag.2020.105932 [Epub in anticipo sulla stampa] PMCID: PMC7135139 IPMID: 32145363
Una revisione della sicurezza e dell’efficienza di CQ e HCQ che esamina più di 20 studi clinici in diversi ospedali cinesi.
Sebbene disponibili solo in formato lettera, questi dati hanno indotto la Cina a raccomandare la clorochina nelle Linee guida nazionali per il trattamento di COVID-19.

9 marzo 2020
X.Yao, F / Ye2, M. Zhang, C.Cui, R. Lu, H. Li, W. Tan, D. Liu. Attività antivirale in vitro e proiezione del disegno di dosaggio ottimizzato dell’idrossiclorochina per il trattamento della sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus 2 (SARS-CoV-2). 2020 .. Clin Infect Dis. 2020 9 marzo. Pii: ciaa237. doi: 10.1093 / cid / ciaa237.
L’idrossiclorochina è risultata più potente della clorochina nell’inibire SARS-CoV-2 in vitro. Idrossiclorochina solfato 400 mg somministrato due volte al giorno per 1 giorno, seguito da 200 mg due volte al giorno per altri 4 giorni è raccomandato per il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2.

9 marzo 2020
Consenso cinese esperto sul fosfato di clorochina per la polmonite da nuovo coronavirus. Diagnosi e piano terapeutico. Rivista cinese di tubercolosi e malattie respiratorie. 2020, 43:
È stato formato un gruppo di collaborazione multicentrico per guidare e standardizzare l’uso della clorochina nella polmonite da coronavirus, standardizzando il trattamento con clorochina a 500 mg 2 volte al giorno per 10 giorni. L’uso di azitromicina era controindicato.

20 marzo 2020
Gautret P, Lagier JC, Parola P, Hoang VT, Meddeb L, Mailhe M, Doudier B, Giordanengo V, Vieira VE, La Scola B, Rolain JM, Brouqui P, Raoult D. Hydroxychloroquine e azithromycin come trattamento di COVID-19 : risultati di uno studio clinico non randomizzato in aperto. Int J Antimicrob Agents. 20 marzo 2020: 105949. doi: 10.1016 / j.ijantimicag.2020.105949.
I pazienti confermati COVID-19 sono stati inclusi in un protocollo dall’inizio di marzo al 16 marzo, per ricevere 600 mg di idrossiclorochina al giorno e la loro carica virale nei tamponi rinofaringei è stata testata quotidianamente in ambito ospedaliero.
I pazienti non trattati di un altro centro sono stati inclusi come controlli negativi.
20 casi sono stati trattati in questo studio e hanno mostrato una riduzione significativa dei livelli virali all’inclusione di D6-post rispetto ai controlli e una durata media molto inferiore rispetto a quanto riportato in letteratura in pazienti non trattati. L’azitromicina aggiunta all’idrossiclorochina era significativamente più efficiente per l’eliminazione del virus.
Nonostante le dimensioni ridotte del campione, il nostro sondaggio mostra che il trattamento con idrossiclorochina è
significativamente associato alla riduzione / scomparsa della carica virale nei pazienti con COVID-19 e il suo effetto è rafforzato dall’azitromicina,

20 marzo 2020
Linee guida per il trattamento del sistema sanitario del Monte Sinai per l’infezione da SARS-CoV-2 (COVID-19) https://www.mountsinai.org/health-library/diseases-conditions/2019-novel-coronavirus-2019-ncov Ultimo accesso il 20 marzo il 2020.
Il sistema Mount Sinai Heath stabilisce protocolli per il dosaggio e il trattamento di pazienti COVID-19 che utilizzano clorochina e idrossiclorochina.

27 marzo 2020
P. Gautret, J.C. Lagier, P. Parola, V.T. Hoang, T. Dupont, S. Honoré, A. Stein, M. Million, B. La Scola, P. Brouqui, Didier Raoul. Il trattamento con idrossiclorochina-azitromicina per COVID-19 ha mostrato di essere efficace in uno studio condotto su 80 pazienti
Infezione IHU-Méditerranée, Marsiglia, Francia, 27 marzo 2020
In 80 pazienti che hanno ricevuto idrossiclorochina e azitromicina abbiamo notato un miglioramento clinico in tutti i pazienti tranne uno di 86 anni deceduti e uno di 74 anni ancora in terapia intensiva. È stata osservata una rapida caduta della carica virale rinofaringea testata da qPCR, con colture di virus provenienti da campioni respiratori dei pazienti che sono diventati negativi nel 97,5% dei pazienti al 5 ° giorno.
Ciò ha permesso ai pazienti di essere rapidamente dimessi da reparti altamente contagiosi con una durata media di permanenza di cinque giorni.

10 marzo 2020
Cortegiani A., Ingoglia G., Ippolito M., Giarratano A., Einav S. Una revisione sistematica sull’efficacia e la sicurezza della clorochina per il trattamento di COVID-19. J Crit Care. 2020 mar 10; (20): 30390–30397.
È stata fatta una revisione di sei articoli (una lettera narrativa, uno studio in vitro, un editoriale, un documento di consenso di esperti, due documenti orientativi nazionali) e questi studi clinici condotti in Cina.

  • La clorochina sembra essere efficace nel limitare la replicazione della SARS-CoV-2 in vitro.
  • Esistono fondamenti logici, prove di efficacia e prove di sicurezza dall’uso clinico a lungo termine per altre indicazioni per giustificare la ricerca clinica sulla clorochina nei pazienti con COVID-19.
  • Sono urgentemente necessari dati sulla sicurezza e dati provenienti da studi clinici di alta qualità.

21 marzo 2020
Duan YJ, Liu Q, Zhao SQ, Huang F, Ren L, Liu L, Zhou YW. La prova della clorochina nel trattamento della COVID-19 e i suoi progressi nella ricerca in tossicologia forense. 2020 mar 25; 36 (2). doi: 10.12116 / j.issn.1004-5619.2020.02.001. [Epub prima della stampa]
La clorochina è un farmaco di prescrizione di lunga data che viene spesso utilizzato clinicamente per curare la malaria e le malattie del tessuto connettivo. Il farmaco antimalarico clorochina fosfato che è già stato approvato ha confermato di avere un effetto anti-SARS-CoV-2 ed è stato incluso nelle linee guida diagnostiche e terapeutiche. Tuttavia, la consapevolezza del rischio di fosfato di clorochina che causa avvelenamento acuto o addirittura morte dovrebbe essere rafforzata. Il dosaggio utilizzato secondo l’attuale dosaggio clinico raccomandato e il corso del trattamento sono superiori a quelli del precedente trattamento della malaria. Molte province hanno richiesto un attento monitoraggio clinico delle reazioni avverse. Questo articolo esamina gli effetti farmacologici, i meccanismi di avvelenamento e tossicologico, il metabolismo e la distribuzione in vivo e le questioni forensi dei farmaci clorochina, al fine di fornire aiuto alla pratica forense e al lavoro clinico

21 marzo 2020
Informazioni sulla prescrizione di clorochina negli Stati Uniti. https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2017/009768s037s045s047lbl.pdf (ultimo accesso 21 marzo 2020)

23 marzo 2020
Yueping Li, Zhiwei Xie, Weiyin Lin, Weiping Cai, et.al, Uno studio esplorativo randomizzato e controllato sull’efficacia e la sicurezza di lopinavir / ritonavir o arbidol in trattamento di pazienti adulti ricoverati in ospedale con lieve / moderata COVID-19
doi: https://doi.org/10.1101/2020.03.19.20038984
Secondo gli investigatori, l’aggiunta di idrossiclorochina (HCQ), oltre alla terapia convenzionale, non ha abbreviato il tempo alla clearance di SARS-CoV-2 in uno studio di 30 pazienti. Non sono state osservate differenze significative tra i due bracci in termini di tempo impiegato per riportare la temperatura corporea normale o il numero di pazienti con progressione della malattia, come mostrato nelle scansioni TC.
Tuttavia, un attento esame dello studio rivela una situazione più complicata.
La maggior parte dei pazienti nel gruppo di controllo dello studio sono stati effettivamente trattati con altri farmaci antivirali allo stesso tempo, tra cui il combo HIV Kaletra e il farmaco antinfluenzale russo Arbidol. La maggior parte, ma non tutti, i pazienti del gruppo idrossiclorochina sono stati trattati con Arbidol. Tutti i pazienti hanno anche ricevuto interferone-alfa, invalidando così completamente qualsiasi valutazione degli effetti della clorochina.

24 marzo 2020
Pagliano P, Piazza O, De Caro F, Ascione T, Filippelli A. L’idrossiclorochina è un possibile farmaco di profilassi post-esposizione per limitare la trasmissione agli operatori sanitari esposti a COVID19? Clin Infect Dis. 2020 mar 24. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32211764

PMID: 32211764 DOI: 10.1093 / cid / ciaa320
La clorochina e l’idrossiclorochina sono in grado di inibire la replicazione nelle prime fasi del virus
infezione. Nessun effetto simile sulle prime fasi dell’infezione da Coronavirus è stato riportato per altri farmaci proposti per il trattamento della SARS-CoV-2, che sono in grado di interferire solo dopo l’infezione cellulare.
Riteniamo che l’idrossiclorochina possa essere efficace nel prevenire l’invasione del tratto respiratorio in HCW e che la somministrazione di idrossiclorochina come agente profilattico potrebbe essere particolarmente utile per l’HCW che si occupa di procedure ad alto rischio sul tratto respiratorio nei pazienti COVID-19.

Il profilo di efficacia dell’idrossiclorochina, la sua capacità di inibire la replicazione virale polmonare per un periodo di 10 giorni dopo solo un ciclo di terapia di 5 giorni e le grandi quantità di conoscenze in termini di sicurezza derivanti dal suo uso per la profilassi della malaria e le malattie reumatologiche consentono di raccomandare l’uso pre-esposizione o post-esposizione per coloro che eseguono procedure ad alto rischio di diffusione virale in pazienti con polmonite COVID-19.

26 marzo 2020
A.K. Singh ,, A. Singh, A. Shaikh, R. Singh e A. Misra. Clorochina e idrossiclorochina nel trattamento di COVID-19 con o senza diabete: una ricerca sistematica e una revisione narrativa con particolare riferimento all’India e ad altri paesi in via di sviluppo. Diabetes Metab Syndr. Pubblicato online il 2020 il 26 marzo. doi: 10.1016 / j.dsx.2020.03.011
PMCID: PMC7102587 PMID: 32247211
Una revisione sistematica di idrossiclorochina e COVID-19

7 aprile 2020
Task Force Belgio Linee guida cliniche provvisorie per pazienti sospettati / confermati con infezione da COVID-19.
https://epidemio.wivisp.be/ID/Documents/Covid19/COVID19_InterimGuidelines_Treatment_ENG.pdf
Sulla base di simulazioni farmacocinetiche, il dosaggio raccomandato di idrossiclorochina solfato è di 400 mg BID il giorno 1, seguito da 200 mg BID il giorno 2-5.
A causa della lunga emivita di eliminazione del farmaco (32-50 giorni), la durata del trattamento non deve superare i 5 giorni per evitare l’accumulo di concentrazioni di idrossiclorochina nel plasma e nei tessuti e il conseguente aumento del rischio di tossicità e poiché non esiste prove in vitro che corsi più lunghi migliorano l’attività farmacologica su SARS-CoV-2.

10 aprile 2020 Zhaowei Chen, VJijia Hu, Zongwei Zhang, Shan Jiang, Shoumeng Han, Dandan Yan, Ruhong Zhuang, Ben Hu, Zhan Zhang Efficacia dell’idrossiclorochina in pazienti con COVID-19: risultati di uno studio clinico randomizzato doi: https: // doi.org/10.1101/2020.03.22.20040758
Le prove relative all’uso in vivo dell’idrossiclorochina sono limitate. Nell’infezione COVID-19. Questo studio ha valutato l’efficacia dell’idrossiclorochina (HCQ) nel trattamento di pazienti con COVID-19. Dal 4 febbraio al 28 febbraio 2020, 62 pazienti affetti da COVID-19 sono stati diagnosticati e ricoverati all’ospedale Renmin dell’Università di Wuhan. Tutti i partecipanti sono stati randomizzati in uno studio di gruppo parallelo, 31 pazienti sono stati assegnati a ricevere ulteriori 5 giorni

Il trattamento con HCQ (400 mg / die), il tempo al recupero clinico (TTCR), le caratteristiche cliniche e i risultati radiologici sono stati valutati al basale e 5 giorni dopo il trattamento per valutare l’effetto dell’HCQ.
Per i 62 pazienti COVID-19, il 46,8% (29 su 62) era di sesso maschile e il 53,2% (33 di 62) era di sesso femminile, l’età media era di 44,7 (15,3) anni. Nessuna differenza nell’età e nella distribuzione del sesso tra il gruppo di controllo e il gruppo HCQ. Ma per il TTCR, il tempo di recupero della temperatura corporea e il tempo di remissione della tosse sono stati significativamente ridotti nel gruppo di trattamento HCQ. Inoltre, una percentuale maggiore di pazienti con polmonite migliorata nel gruppo di trattamento con HCQ (80,6%, 25 su 31)
rispetto al gruppo di controllo (54,8%, 17 su 31). In particolare, tutti e 4 i pazienti sono progrediti in una grave malattia verificatasi nel gruppo di controllo. Tuttavia, ci sono stati 2 pazienti con lievi reazioni avverse nel gruppo di trattamento HCQ. Significato: tra i pazienti con COVID-19, l’uso di HCQ potrebbe ridurre significativamente il TTCR e favorire l’assorbimento della polmonite.
Studio clinico ChiCTR2000029559

10 aprile 2020
Questi dati supportano l’evidenza preliminare che suggerisce una riduzione significativa della durata media della degenza ospedaliera (ALOS) nei pazienti COVID-19 a cui è stata somministrata solo idrossiclorochina (HCQ).

Questi dati grezzi sono stati generati da uno sforzo multicentrico di raccolta dati condotto da Agilum Healthcare Intelligence Inc. con sede a Brentwood, nel Tennessee e analizzato in relazione alla durata della degenza ospedaliera COVID nell’ambito di vari trattamenti sperimentali.

I dati non pubblicati sono stati generati da una curva a campana di gravità dei pazienti che comprende tutti i livelli di gravità. Quindi, fornisce solo una stima lorda di un effetto idrossiclorochina nei pazienti con COVID-19. Tuttavia è favorevole ai dati francesi pubblicati il ​​12 aprile 2020 come abstract.

12 aprile 2020
Raoult, D. Coorte di 1061 casi COVID-18 trattati con combinazione HCQ-AZ con follow-up di 9 giorni. Infezione IHU Méditerranée, Marsiglia. http://covexit.com/professor-didier-raoult-releases-the-results-of-a-new-hydroxychloroquine-treatment-study-on-1061-patients/
È stata studiata una coorte di 1061 pazienti COVID-19, trattati per almeno 3 giorni con la combinazione HCQ-AZ e un follow-up di almeno 9 giorni. Gli endpoint erano morte, peggioramento e persistenza della diffusione virale. Dal 3 marzo al 9 aprile 2020, 59.655 campioni di 38.617 pazienti sono stati testati per COVID-19 mediante PCR. Dei 3.165 pazienti positivi affidati alle cure del nostro istituto, 1061 pazienti non precedentemente pubblicati hanno soddisfatto i criteri di inclusione per uno studio sull’idrossiclorochina-azitromicina.
L’età media era di 43,6 anni e 492 erano maschi (46,4%). Come in altri studi, in questo studio non è stata osservata tossicità cardiaca.

  • Un buon risultato clinico e una cura virologica sono stati ottenuti in 973 pazienti su un totale di 1061 pazienti entro 10 giorni (91,7%).
  • La mortalità era significativamente più bassa nei pazienti che avevano ricevuto> 3 giorni di HCQ-AZ rispetto ai pazienti trattati con altri regimi sia presso l’IHU che in tutti gli ospedali pubblici di Marsiglia (p <10-2).
  • Un risultato scarso è stato osservato per 46 pazienti (4,3%); -10 sono stati trasferiti in unità di terapia intensiva, 5 pazienti sono deceduti (0,47%) (74-95 anni), 31 hanno richiesto 10 giorni di ricovero o più.
    Tra questo gruppo, 25 pazienti sono ora guariti e 16 sono ancora ricoverati in ospedale (il 98% dei pazienti è stato curato finora).

Tabella 1. Caratteristiche di base in base all’esito clinico e virologico di 1061 pazienti trattati con HCQ + AZ ≥ 3 giorni all’infezione IHU Méditerranée Marsiglia, Francia con giorno 0 tra il 3 marzo e il 31 marzo 2020

Il trasporto virale prolungato al completamento del trattamento è stato osservato in 47 pazienti (4,4%) ed è stato associato con una maggiore carica virale e malattia più avanzata alla diagnosi (p <10-2) ma la cultura virale era negativa al giorno 10 e tutti tranne uno erano PCR cancellato al giorno 15.

Scarsi risultati clinici sono stati significativamente associati all’età avanzata (OR 1,11), alla gravità iniziale più alta (OR 10,05) e alla bassa concentrazione sierica di idrossiclorochina.

Inoltre, entrambi i risultati clinici e virologici sono stati associati a pazienti che assumevano agenti beta-bloccanti selettivi e bloccanti del recettore dell’angiotensina II (P <0,05) per l’ipertensione.

  • 13 aprile 2020
  • J. Gao, Hu, S., Aggiornamento sull’uso dell’idrossiclorochina per la malattia del coronavirus TREAT 2019 (COVID-19).
  • L’aumento delle prove da studi clinici completati indica le prospettive per il trattamento di COVID-19 da clorochina e idrossiclorochina (indicazioni L’idrossiclorochina è più efficace).
  • La clorochina ha indicato la sua efficacia in casi COVID-19 lievi e moderati.
  • La clorochina è superiore a Lopinavir / ritonavir nel miglioramento delle lesioni polmonari COVID-19.
  • La clorochina ha dimostrato un’efficacia significativa nel riportare la temperatura corporea alla normalità.
  • L’idrossiclorochina sembra più efficace della clorochina in uno studio francese sulla riduzione della quantità di virus nel corpo.
  • L’idrossiclorochina aiuta a ridurre la durata della tosse, ridurre la quantità di virus nel corpo e migliorare le lesioni polmonari negative ai raggi X.
  • Abbiamo già commentato il singolo documento che ha coinvolto 15 pazienti sottoposti contemporaneamente a interferone-alfa, arbidolo e lopinavir / ritonavir nel gruppo di controllo.

In generale, studi clinici completati hanno prodotto risultati promettenti per quanto riguarda la sicurezza e l’efficacia della clorochina e dell’idrossiclorochina nel TRATTAMENTO di COVID-19

Riepilogo della revisione bibliografica

Dipendente da una revisione tra pari riuscita dei dati presentati in 1.061 pazienti COVID-19, trattati per almeno 3 giorni con la combinazione HCQ-AZ nell’abstract francese pubblicato il 12 aprile 2020, da D. Raoult dell’infezione IHU Méditerranée e da un successo revisione del documento del 10 aprile 2020 di Zhaowei Chen et.al, ……

…………. L’uso della combinazione HCQ-AZ quando iniziato immediatamente dopo la diagnosi, sembra essere un trattamento sicuro ed efficace per COVID-19. Sembra fermare la progressione della malattia respiratoria e la durata della degenza ospedaliera in molti casi.

Nel contesto di una pandemia di COVID-19 in espansione, è ragionevole proporre l’uso EARLY di Hydroxychloroquine nel tentativo di ridurre il numero di giorni di ospedalizzazione dei pazienti COVID, e quindi fornire un aumento del tasso di turnover del paziente e un uso più efficiente di un ospedale limitato ventilatori.

I risultati dello studio sui dati lordi effettuato il 10 aprile 2020 che mostrano una durata media della degenza ospedaliera (ALOS) leggermente prolungata nel gruppo di popolazione sottoposto a HCQ / CQ / azitromicina, richiedono ulteriori indagini. L’azitromicina può mostrare gli stessi effetti di conduzione cardiaca della clorochina nell’uomo, ma non vi è stata una diffusa avversione alla sua prescrizione. A circa 4.000 persone sono state date quelle che sono considerate dosi COVID di idrossiclorochina e non è stato riscontrato alcun problema di conduzione cardiaca.

Opinione


I controlli storici sono utilizzati in molti studi precedenti in medicina. A questo proposito, la sicurezza dell’idrossiclorochina è ben documentata. Quando viene proiettato l’uso sicuro di questo farmaco contro il suo apparente effetto di ridurre la progressione dei primi casi all’uso del ventilatore, è difficile comprendere la riluttanza delle autorità responsabili della gestione della pandemia degli Stati Uniti a raccomandarne l’uso nei primi casi di COVID-19 . Gli effetti dei clorochina sono stati delineati per la prima volta 15 anni fa dall’unità speciale patogeni del CDC.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...